Blog: http://giorusselli.ilcannocchiale.it

into the wild.....

 


Quanti hanno mai pensato di abbandonare tutto e tutti e fuggire via per lande selvagge, attraverso fiumi e monti immersi in un'eternità mai scalfita? Be se qualcuno di voi ci ha mai pensato, almeno una volta nella vita e per lo meno nella propria testa si è immaginato a zonzo per il globo senza alcun legame con persone o materia umana, libero dagli affanni e le illusioni del quotidiano, se qualcuno ci ha davvero pensato, credo debba vedere questo film, che segna tra l'altro l'esordio alla regia di Sean Penn. La storia è quella del giovane MacCandless, studente di successo di buona famiglia, che dona in beneficenza i propri soldi accumulati durante gli studi e parte alla scoperta di se stesso in un ideale ricongiungimento con la natura attraversando territori freddi e dominati dalla dura legge della natura.  Storia realemente accaduta anni fa negli Usa, colpisce all'animo e solleva lo spettatore per due ore da qualsiasi affanno o problema del quotidiano. Due cose colpiscono in particolare : Innanzitutto gli splendidi scenari dell'Alaska e del South Dakota dove la pellicola è stata girata, e che ricalcano realmente gli spostamenti del giovane MacCandless, davvero da mozzafiato. Altra gemma del film è la colonna sonora di Eddie Vedder, frontman dei Pearl Jam, per l'occasione scopertosi intimista e poetico.
Da non perdere. 

Pubblicato il 25/3/2008 alle 13.52 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web